RADDOPPIO FERROVIARIO, IL VICESINDACO RUCCO REPLICA AL SEGRETARIO FIT-CISL BONI - Comune di Montecatini Terme

Comunicati stampa - Comune di Montecatini Terme

RADDOPPIO FERROVIARIO, IL VICESINDACO RUCCO REPLICA AL SEGRETARIO FIT-CISL BONI

RADDOPPIO FERROVIARIO, IL VICESINDACO RUCCO REPLICA AL SEGRETARIO FIT-CISL BONI
  •   
  • Il vicesindaco Rucco interviene sulla questione del raddoppio ferroviario replicando alle dichiarazioni del segretario Fit-Cisl.
  • Il vicesindaco Rucco interviene sulla questione del raddoppio ferroviario replicando alle dichiarazioni del segretario Fit-Cisl. “Leggiamo sulla stampa le dichiarazioni del segretario regionale Fit-Cisl Stefano Boni in merito al raddoppio ferroviario – dice Rucco - È necessario puntualizzare al segretario che il consiglio comunale di Montecatini Terme non ha bloccato nessuna opera e non ha chiesto niente di irrealizzabile o "avventuristico", come irresponsabilmente affermato da Boni. Diciamo irresponsabilmente perché non è accettabile la mistificazione di atti pubblici consiliari e non è altrettanto accettabile il maldestro tentativo di chi vuole mettere in conflitto le comunità locali coinvolte da un’opera così importante per il futuro di intere generazioni”. “I gruppi consiliari di maggioranza nella seduta dello scorso luglio si sono presi la responsabilità di farsi carico di una mediazione economicamente e tecnicamente sostenibile per il tratto cittadino di Montecatini, dicendo sì alla sopraelevata. Ma è bene ricordare che tutto il consiglio, quindi sia maggioranza che minoranza, ha votato all’unanimità in quella circostanza per il no a raso”. “Non è certo colpa delle comunità locali se prima si stanziano i fondi per il raddoppio e poi con quel che c'è, o rimane, si cerca di far passare i binari anche sulla pelle dei cittadini. E non è colpa delle comunità locali se queste vengono divise in "lotti" in cui la progettazione viene successivamente allo stanziamento delle risorse, che sembrano assai insufficienti visti i problemi che gravano su gran parte della linea che va da Montecatini a Lucca e che tocca diversi comuni oltre al nostro”, prosegue il vicesindaco di Montecatini Terme. “Se da un lato l'ammodernamento e il raddoppio della linea ferroviaria sono necessari, dall'altro queste opere devono essere sostenibili economicamente e a livello di impatto ambientale per il tessuto urbano locale. Su questo non devono esserci troppi dubbi come sul fatto che non devono esistere solo gli interessi rappresentati dal signor Stefano Boni”.
Pubblicato il 
Aggiornato il 
Risultato (5870 valutazioni)